BIOENERGIE E AMBIENTE

Bioenergie e ambiente

“Olio di oliva la salveza del pianeta”

L’ultima direttiva europea stabilisce una crescita graduale del settore bioenergetico al 2030 fornendo anche un quadro normativo entro il quale le fonti rinnovabili dovranno coprire almeno il 32% dei consumi finali di energia.

Con l’accordo si evidenzia anche l’importante ruolo delle biomasse prodotte in modo sostenibile.

Ad oggi circa due terzi del consumo da fonti rinnovabili copre il fabbisogno di una parte dell’Europa. E’ auspicabile favorire le bioenergie per limitare in generale l’inquinamento presente nelle capitali europee.

Un carattere insito nella bioenergia è la neutralità carbonica poiché la CO2 emessa in atmosfera durante l’uso energetico è poi riassorbita interamente dalle formazioni arboree, con un impatto quindi inesistente sul clima.

Se poi il riscaldamento con il pellet prodotto dai noccioli delle olive (perchè nulla si getta via ma si lavora per riutilizzarlo)  e’ l’elemento innovativo ed utile per essere bruciato nelle stufe e caldaie di moderna tecnologia la ricetta green è quella giusta!

 

 

Allora si che l’agricoltura è in grado contribuire alla sostenibilità, alla crescita bionergetica e e di minimizzare le emissioni di polveri sottili, fino all’80% dei vecchi apparecchi a legna a fuoco aperto.

Per questo dalla nostra terra abbiamo molto da imparare!

bioenergie e ambiente

Foto Azienda Agrolio

#pellet #bioenegia #green #biomasse #ambiente #sostenibilità #fontirinnovabili #olioevo #oliobio #uliveto #olive #nocciolodioliva

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *