LA PIANTA

individuare le piante con le caratteristiche genetiche migliori in termini di resistenza alle malattie e alle avversità climatiche. prestando attenzione a particolari come la vigoria della chioma, la produttività, la grandezza e la qualità dei frutti e le sue proprietà nutrizionali e organolettiche. Al di là del corredo genetico, però, le qualità positive di una pianta dipendono anche dall’interazione dello stesso con l’ambiente, con il tipo di terreno e il microclima che lo ospita. In pratica, esiste un rapporto strettissimo tra le caratteristiche genetiche di una pianta e quelle dell’ambiente in cui dimora.

POTATURA

La prima cura è rivolta alla pianta e alle sue esigenze.  Una buona POTATURA è fondamentale per avere una buona fruttificazione dei nostri alberi. Per questo sulle piante giovani del nostro uliveto effettuiamo le potature di formazione, per dare loro una forma ottimale, mantenuta poi sulle piante più mature attraverso le potature di produzione.  La regola è che la chioma sia leggera, ogni parte sia esposta al sole e che all’interno circoli aria.

ARATURA

Prestiamo attenzione al’aratura del terreno che effettuiamo più volte all’anno a profondità diverse per eliminare la vegetazione infestante sotto le chiome e per immagazzinare acqua piovana nel periodo autunnale.

RACCOLTA

Il grado di maturazione ottimale per le nostre olive è l’inizio dell’’ INVAIATURA: quando la buccia del frutto inizia a cambiare colore ricoprendosi di macchioline chiare. Raccoglierle in questo momento è di fondamentale importanza per l’’alta qualità del nostro olio, perché garantisce un basso livello di acidità e un aroma pregiato e gradevole ed un livello fenologico alto. Raccogliamo e selezioniamo le olive più sane e a giusta maturazione, direttamente dalla pianta, senza arrecare danni al frutto e all’albero.

PULITURA

L olive sono subito sottoposte a DEFOGLIAZIONE e PULITURA, per poi proseguire alle successive fasi che trasformano olive di eccellente qualità in un olio di gran pregio: l’’olio extravergine di oliva Agrolio.

TRASFORMAZIONE

Dopo la raccolta le olive vengono trasformate in olio nel giro di 12-24 ore. Questa nostra premura è determinante per garantire all’oliva il mantenimento del grado di acidità iniziale, e al nostro olio poi tutto il sapore e la freschezza del frutto appena colto.

ESTRAZIONE A FREDDO

Agrolio conserva ancora il vecchio frantoio di famiglia aperto a tour operator e visite aziendali.  Come avveniva anticamente le nostre olive vengono sottoposte a ESTRAZIONE A FREDDO per evitare il  surriscaldamento dannoso del composto e garantire il mantenimento delle proprietà organolettiche delle olive.

TEMPERATURA

la pasta di olive passa poi in un macchinario a ciclo continuo dove viene sottoposto ad  altri processi di trasformazione, sempre in ambienti a temperatura controllata (sempre inferiore ai 27° C) per salvaguardare la qualità del prodotto e in condizioni igieniche costantemente controllate rispettando il sistema HACCP vigente .

GRAMOLATURA

La pasta ottenuta dalla frangitura è sottoposta a GRAMOLATURA: in questa fase si facilita la separazione dell’acqua dall’’olio, che si concluderà completamente nella fase successiva

CENTRIFUGAZIONE

Dalla gramola i due componenti passano poi nel DECANTER: per CENTRIFUGAZIONE l’acqua e l’olio sono convogliati verso direzioni diverse, grazie al peso specifico. La modernizzazione tecnologica  di Agrolio ha riguardato anche le strutture di stoccaggio dell’olio, che oggi sono in acciaio inox che permettono di salvaguardare al meglio le caratteristiche di qualità

FILTRAZIONE

L’’olio viene quindi pulito dalle impurità rimanenti attraverso un sistema di FILTRAZIONE NATURALE, senza alcun tipo di solvente chimico. Quest’ultimo processo è quello più antico per preservare le qualità del prodotto e la filtrazione è il metodo più efficiente e veloce. L’’assenza di acqua e di impurità assicura quella purezza di sapore e di consistenza, quella corposità e quell’’aroma che rendono unico l’’olio extra vergine di oliva AGROLIO.

IMBOTTIGLIAMENTO

Dopo l’estrazione l’’olio extra vergine di oliva AGROLIO viene stoccato in ambienti ben chiusi e lontani da fonti di luce e calore. L’imbottigliamento del olio extra vergine di oliva avviene in eleganti bottiglie in vetro scuro, materiale sicuro perchè non è alterabile ed evita che la luce pregiudichi la qualità dell’olio e per garantire al consumatore di porre in TAVOLA  tutto il sapore e la freschezza del frutto appena colto.